Chiesa dei Santi Cosma e Damiano

Il 26 settembre la Chiesa celebra la memoria dei Santi Cosma e Damiano.
I santi martiri Cosma e Damiano furono fratelli gemelli, secondo il Martirologio Romano, e compagni
non solo di sangue, ma anche di fede e di martirio. Studiarono assieme medicina in Siria e salirono ben
presto a grande fama per la loro valentia nel curare i malati. Forse erano arabi di nascita, ma assai per
tempo ricevettero un’educazione cristiana veramente ammirabile. Animati da vero spirito di fede e di
carità si servirono della loro arte per curare sia i corpi sia le anime con l’esempio e con la parola. Riuscirono a convertire al cristianesimo molti pagani. Si portavano in fretta presso chiunque li richiedesse rifiutando ogni compenso, contenti di poter per mezzo della loro arte esercitare un po’ di apostolato. In questo modo si attirarono amore e stima non solo dai cristiani, ma anche dagli stessi infedeli. Venivano da tutti soprannominati “Anàrgiri” (dal greco anargyroi, parola greca che significa “senza denaro”), proprio perché non si facevano pagare per la cura dei malati. Mentre essi compivano tanto bene, ecco scoppiare la persecuzione di Diocleziano intorno al 300, i santi Cosma e Damiano si trovavano in quel tempo ad Egea di Cilicia, in Asia Minore. I santi medici si videro arrestati e tradotti davanti al tribunale di Lisia, governatore della Cilicia. «Ho l’ordine, dice il proconsole, di far ricerca dei cristiani, punire quelli che resistono e premiare quelli
che si sottomettono alle leggi dell’impero. Voi siete accusati di appartenere alla setta… Scegliete». «La scelta è fatta, risposero i santi fratelli, siamo cristiani e come tali siamo pronti a morire».
«Riflettete bene, soggiunse Lisia, perché si tratta di vita o di morte, non potendo, né dovendo io tollerare
una ribellione alle leggi». «Noi rispettiamo come gli altri le leggi civili, ma nessuna legge ci può costringere ad inchinarci ai vostri dei di fango; noi adoriamo il Dio vivo e ci inchiniamo a Gesù Cristo Salvatore». Lisia
sdegnato ordinò che fossero legati e flagellati. Dopo questo primo tormento, persistendo i Santi nel loro
fermo proposito, ordinò che fossero gettati in mare. L’ordine fu all’istante, mentre una grande turba di cristiani piangeva dirottamente. Il Signore venne in loro soccorso: le onde li spinsero fino alla riva e così poterono salvarsi. A tal vista il popolo gridò: «Siano salvi i nostri medici; si rispettino quelli che il mare stesso
rispetta». Purtroppo tutte queste grida furono vane: il proconsole li voleva assolutamente morti, perciò li
fece gettare in una fornace ardente. Liberati miracolosamente dal Signore, dopo altri vari tormenti, furono
fatti decapitare a Egea probabilmente nel 303. Sul loro sepolcro si moltiplicarono i miracoli: lo stesso imperatore Giustiniano, raccomandatosi alla intercessione di questi santi medici,
fu guarito da mortale malattia e per riconoscenza fece erigere in loro onore una sontuosa basilica.
In loro onore Papa Felice IV (525-530) fece costruire a Roma una chiesa, decorata di mosaici stupendi. I resti dei santi martiri sono custoditi nel pozzetto dell’antico altare situato nella cripta dei Ss. Cosma e Damiano in Via Sacra, dove li depose S. Gregorio Magno (590-604). Vivo il loro culto in Oriente in Occidente, dove numerose chiese e monasteri di epoche diverse sono intitolate ai santi martiri “guaritori”.